weekly column: surfatants! TENSIOATTIVI



Buon giorno followers! Si dice spesso che la notte porta consiglio…a me ha portato un’idea! Ho sognato di fare una rubrica settimanale dove vi parlavo di una materia prima a settimana per la cosmesi fai-da-te :) perché non iniziare dalle sostanze con cui siamo a contatto quotidianamente?
Oggi parliamo dei tensioattivi!
Hi followers! It is often said that night is the mother of counsel... I’ve had an idea! I dreamt of starting a weekly column where I show you some materials  for cosmetics J why don’t we start from the substances we use every day?
Today I’d like to speak of surfactants!

Che cos’è un tensioattivo??
L’uguaglianza “più schiuma = più buono” vale per il cappuccino, non per lo shampoo! ;) anzi, un bagnoschiuma molto schiumogeno è troppo aggressivo e, oltre a togliere lo sporco, cava anche lo strato lipidico di protezione della nostra pelle. Allora, se madre natura ci ha fatto così, o se vogliamo vederla in un altro modo, se l’evoluzione della specie ci ha portato ad essere così, la nostra pelle sarà ottimale così com’è…quindi perché distruggerla?
What is a surfactant?
Equality "more foam = better” applies to the cappuccino, not to the shampoo! ;) Indeed, a very foaming shower gel is too aggressive and, besides removing dirt, it also quarries the lipid layer of protection of our skin. So, if Mother Nature has done us so, or form another point of view, if the evolution of the species has led us to be so, our skin will be optimal as it is ... so why destroy it?


I tensioattivi sono sostanze che sciolte in piccole quantità (1-2%) in acqua, ne
diminuiscono la tensione superficiale aumentando il potere bagnante. La conseguenza è
un aumento delle proprietà schiumogene, emulsionanti, disperdenti e detergenti.
Le molecole dei tensioattivi sono costituite da una parte ‘lipofila’, ossia affine alle
sostanze grasse, ed una parte ‘idrofila’, cioè affine all’acqua.
I tensioattivi si suddividono in saponi e tensioattivi sintetici.
I tensioattivi sintetici si suddividono ulteriormente in:
1) cationici;
2) anionici;
3) non ionici e
4) anfoteri.

Surfactants are substances that, once dissolved in small amounts (1-2%) in water, it
decrease the surface tension by increasing the wetting power.
The consequence is
an increase in foaming, emulsifier, dispersant and detergent properties.
The molecules of surfactants consist of a part 'lipophilic', akin to
fatty substances, and a part 'hydrophilic', that is akin to water.
The synthetic surfactants are further divided into:
1) cationic;
2) anionic;
3) non ionic
4) amphoteric.

Cosa si intende per tensione superficiale? What’s surface tension?
La si può definire come quella forza, quella tensione prodotta dalle forze coesive di un corpo che gli impediscono di aderire ad un altro. Essa è quindi una proprietà della materia allo stato solido e liquido, legata alla forza di coesione tra le particelle costituenti.
It’s the strength, the tension produced by the cohesive forces of a body that prevent him from joining another. It is therefore a property of matter in the condensed state (solid and liquid), linked to the strength of cohesion between the constituent particles.
Ecco perché l’acqua in effetti “non bagna”, non aderisce cioè alle superfici con cui viene in contatto; ed ecco perché, se si vuole far si che l’acqua bagni il substrato (ad es. lo sporco, nella detergenza), occorre “abbassare” la tensione superficiale dell’acqua, cioè rompere in buona parte le forze che tengono legate le sue molecoline di acqua. A ciò servono i “tensio-attivi”, che sono cioè sostanze capaci di far si che l’acqua bagni il substrato…è così che l’acqua e il tensioattivo catturano lo sporco!
That's why the water  doesn’t  adhere to the surfaces which it comes in contact with, and that's why, if you want to make sure that the water drips onto the substrate, it’s necessary to "lower" the surface tension of water, in order to break  the forces that hold molecules of water related. This is the aim  of  "surfactants", that’s able to make water wet the skin ...that’s how the water and the surfactant capture dirt!

La tecnologia del sapone era nota anche nell’antichità, quando si preparavano liscivie alcaline da cenere di legno che venivano usate per la saponificazione di sego o di scarti di grassi animali o di oli vegetali. La più antica (3000 a.C.) formula conosciuta per la fabbricazione del sapone, rinvenuta in Mesopotamia, descrive un miscuglio formato da una parte di olio e cinque parti e mezza di potassa. Gli Egizi preparavano il sapone miscelando un alcali con un olio e tale metodo di fabbricazione era noto in Palestina in epoca biblica; i Greci usavano liscivie sodiche per saponificare oli vegetali; per il lavaggio della lana usavano come in tutto l’Oriente, la terra da follone oppure una saponaria. I Romani conobbero il sapone solo nel IV secolo d.C., perché in precedenza usavano una pasta fatta d’olio d’oliva e pomice.
Vedete come il sapone si può fare anche con elementi naturali, come la farina di ceci? Non servono gli shampoo nivea garnier pieni di schifezze!
The technology of the soap has been known since ancient times, when they were preparing alkaline lyes from wood ashes that were used for the saponification of tallow or waste animal fats or vegetable oils. The oldest (3000 BC) known formula for the manufacture of soap, found in Mesopotamia, describes a mixture consisting of one part oil and five and a half parts of potash. The Egyptians prepared by mixing an alkali soap with olive oil and the method of manufacture was known in Palestine in biblical times, the Greeks used for washing sodium saponify vegetable oils for washing wool as used throughout the East, the land or a fuller's soap. The Romans knew the only soap in the fourth century AD, because previously used a paste made of olive oil and pumice.
As you can see, the soap can also be madee with natural elements!
You don’t have to use the toxic Garnier shampoo!


Come agisce un tensioattivo nello shampoo? How does a surfatant clean up?

Il tensioattivo è formato da una parte lunga che sta bene con l’olio ( ossia con il grasso) ed una testa che sta bene con l’acqua.
The molecules of surfactants consist of a part 'lipophilic', akin to
fatty substances, and a part 'hydrophilic', that is akin to water.







Sappiamo quindi che senza l’uso di un tensioattivo, l’acqua non sarebbe in grado di bagnare, cioè di avvolgere ed asportare il sudiciume grasso, e rimarrebbe così:
Without the use of a surfactant, the water would not be able to wet, wrap and remove the dirt fat, and would remain so:






 Invece col tensioattivo, la molecola di sudiciume grasso viene come “imprigionata” da un assieme di molecole tensioattive costituenti una sfera:
Instead with the surfactant, the molecule of dirt fat is as "locked" by an assembly of surfactant molecules constituting a sphere:





I tensioattivi sintetici più usati sono gli SLS (Sodium Lauryl Sulfate) e gli SLES (Sodium Lauryl Etossi Sulfate), il cui uso continuato può portare numerosi danni in quanto asporta, insieme allo sporco, anche lo strato lipidico di difesa della pelle. Così facendo, la pelle diventa più permeabile agli agenti esterni, ed anche ai tensioattivi stessi che causano ancora più danni entrando in profondità ed in circolo. Non è vero, quindi che più un prodotto più fa schiuma più deterge e più è efficace! È ora di uscire da questo limbo in cui affidiamo la nostra salute ad altre persone (medico, farmacista, commessa del negozio) e imparare a perseguire il proprio benessere.


The most widely used synthetic surfactants are the SLS (Sodium Lauryl Sulfate) and SLES (Sodium Lauryl Ethoxy Sulfate), whose continued use can bring numerous damages because it removes the lipid layer of the skin defense, in order to make the skin become more permeable to external agents, also to themselves that cause even more damage by entering in depth and in a blood circle. It’s not true that a more foaming product is also more effective! It's time to get out of this vision in which we entrust our health to other people (doctor, pharmacist, job shop) and learn to pursue their own well-being.


E voi che shampoo usate? Sentite la necessità di una crema dopo la doccia? Ditemi tutto!
Un bacione! Ecchi                               
 
 

Beauty starts with hygiene


Molte volte non ci rendiamo conto dell’effetto dell’ambiente, dallo smog alla polvere, per non parlare del fumo sulla pelle. Quindi perché non darle un aiutino? Ci sono vari modi per pulire la pelle, dall’uso di creme e lozioni, al tradizionale metodo con acqua e sapone…eccone alcuni! Io, dato che ho la pelle grassa, soprattutto sulla fronte, uso i primi 2 metodi :)
Many times we don’t realize the effect of the environment as smog, dust and smoke on your skin. So why not give it a little help? There are many ways to clean the skin, the use of creams and lotions, the traditional method with soap and water ... here are a few! I use the first two methods because of my oily skin, especially on the forehead :)

<3 Latte di cetrioli/ milk cucumber
-1 tazza di latte/ cup of milk
-1 cetriolo piccolo/ small cucumber

Centrifugate e mescolate il suo succo col latte. Applicate sulla pelle con batuffoli di cotone. Passati alcuni minuti, rimuovete con salviette morbide.
Let’s centrifuge and mix the juice with milk. Apply to the skin with cotton balls. After a few minutes, remove with a soft towel.


<3 Lozione di mela/ apple lotion
-1 mela grande/ big apple
-1 cucchiaio di latte/ tablespoon of milk
-1 cucchiaio di farina d’avena/ tablespoon of oatmeal

Mescolate il succo di mela con il latte e la farina (se avete in casa i fiocchi d’avena potete ridurli a farina con un macinacaffè). Applicate sulla pelle come nella precedente ricetta.
Mix apple juice with milk and flour (if you have homemade oatmeal can reduce them in flour with a coffee grinder). Applied to the skin as in the previous recipe.


<3 Latte di timo (per pelli grasse!)/  milk thyme (for oily skin!)
-1 cucchiaio di latte/ tablespoon milk
-1 cucchiaio di farina di frumento/ tablespoon of wheat flour
-1 cucchiaio di farina di mais/ tablespoon of corn flour
-2 cucchiai di infuso di timo/tablespoons of thyme infused

Scaldate a bagnomaria il latte e i 2 tipi di farina. Mescolate finchè il composto s’ispessisce e aggiungete l’infuso di timo. Agitate nuovamente sino a raggiungere l’unione di tutti gli ingredienti. Lasciate che si raffreddi e usatelo. Asportate ogni traccia del detergente con abbondante acqua tiepida.
Heat in a water bath milk and 2 types of flour. Stir until the mixture thickens and add the infusion of thyme. Shake again to reach the union of all the ingredients. Let it cool and use it. Removed all traces of detergent with warm water.

<3 Latte detergente (per pelli secche) / cleansing milk (for dry skin)
-1 cucchiaio di latte intero/ tablespoon of whole milk
-1 cucchiaio di succo di pesca/ tablespoon of peach juice
-1 cucchiaio di acqua di rose/ tablespoon of rose water
-1/2 cucchiaio di glicerina/ tablespoon of glycerin

Mescolate il latte e il succo di pesca e agitate bene. Aggiungete l’acqua di rose e la glicerina e agitate di nuovo. Mettete il preparato in un recipiente e conservatelo in frigo x 4-5 giorni. Prima dell’uso agitatelo e una volta applicato sulla pelle, sciacquatevi prima con acqua tiepida e poi con acqua fredda.
Mix the milk and the peach juice and shake well. Add the rose water and glycerin and stir again. Put the mixture into a container and store in the fridge x 4-5 days. Shake it before use and once applied to the skin, rinse first with warm water and then with cold water.

Sono solo dei piccoli consigli, ma sono facili da fare…e totalmente naturali!
La mia filosofia: prevenire è molto meglio che curare!
These recepts are so  easy to make ... and whole natural!
My philosophy: prevention is better than cure!

Ecchi :)

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...
ECCHI Natural HalodiElenaDesign byIole